56esimo Congresso dell’Unione Sindacale Svizzera: Sciopero delle Donne 2019

L’Unione Sindacale Svizzera è il più grande movimento dei lavoratori del paese e riunisce organizzazioni attive nei settori dell’amministrazione, dei servizi sociali, delle ferrovie, dell’edilizia, delle orchestre, dei media e delle banche. Per questo la USS è il partner privilegiato degli ambienti politici per tutte le questioni relative al lavoro e alla sicurezza sociale. In questo modo essa oltre a influire sull’agenda politica, organizza anche campagne, referendum e iniziative.

I punti principali del 56esimo Congresso della USS sono stati:
Il lancio di un’iniziativa per una 13a rendita AVS volta ad attutire almeno in parte le perdite causate dalla riduzione del tasso d’interesse e del tasso di conversione del 2° pilastro. Gli oltre 260 partecipanti hanno inoltre chiesto ai dirigenti della USS di esaminare la possibilità di un’iniziativa per la creazione di un’unica cassa malattia.

La partecipazione allo sciopero delle donne del 14 giugno 2019 è stata decisa all’unanimità per promuovere la parità di diritti delle donne e la lotta contro le varie forme di discriminazione. Da alcune settimane, in diversi Cantoni sono attivi comitati di sciopero per mobilitare le donne di diverse organizzazioni nei settori del lavoro, della cultura e degli affari sociali. Le giovani donne sono particolarmente impegnate in questo movimento nato al di fuori della struttura sindacale. Noi dell’Associazione svizzera degli impiegati di banca stiamo esaminando come e con chi ci possiamo impegnare per poter finalmente introdurre la parità di diritti negli istituti finanziari a tutti i livelli e in tutti i settori. Qui potete trovare ulteriori informazioni sui comitati locali già attivi:

appello a tutte le donne

Lorem Ipsum is simply dummy text of the printing and typesetting industry.

Ultimo ma non meno importante, dopo aver presieduto la USS per 20 anni, Paul Rechsteiner ha preso congedo dai presenti. Il suo grande impegno a favore dei lavoratori e contro le ingiustizie di qualsiasi tipo è stato doverosamente riconosciuto da una standing ovation. Pierre-Yves Maillard, consigliere in carica del Canton Vaud, è stato eletto come suo successore e assumerà le sue funzioni nel maggio 2019.