Fruttuose trattative contrattuali nelle banche

15. November 2013

Le modifiche alla CCIB, che entreranno in vigore l’1.4.2014, impongono alle banche assoggettate alla Convenzione di sancire in un regolamento le disposizioni sul lavoro a turni e sul lavoro notturno. Viene altresì chiarito che la banca può contattare i suoi impiegati durante le vacanze solo ed esclusivamente in casi di emergenza operativa o di urgenza temporale. In questo modo i partner sociali vogliono tutelare il diritto degli impiegati al riposo senza tuttavia limitare il diritto della banca a contattare i propri collaboratori in situazioni di emergenza. Infine, vengono ampliati i diritti di informazione delle rappresentanze degli impiegati  sulle misure per la sorveglianza dei collaboratori.
Cogliendo l’occasione di queste modifiche i partner sociali del settore bancario hanno deciso di approfondire tre ambiti tematici della CCIB attualmente in vigore attraverso l’is-tituzione di gruppi di lavoro paritetici e di sottoporre ad analisi alcune aree problematiche: si tratta della regolamentazione dell’assicurazione d’indennità giornaliera di malattia, dell’home office e delle misure in caso di chiusura di una banca e di licenziamento.
Generalmente le trattative CCL nel settore bancario si svolgono in primavera. Tuttavia, poiché nella prima metà del 2013 l’Associazione padronale delle banche in Svizzera e l’Associazione svizzera degli impiegati di banca sono state particolarmente impegnate nella negoziazione di una convenzione sulla protezione dei collaboratori che hanno trasmesso dati alle autorità statunitensi, le trattative CCL ordinarie sono state rimandate a ottobre 2013.
Entrambe le parti si sono dichiarate soddisfatte dell’esito delle trattative e della collaborazione costruttiva durante le stesse.
Informazioni:

  • Denise Chervet, Direttrice Associazione svizzerera degli impiegati di banca,
    079 40 892 40
  • Balz Stückelberger, Direttore  Associazione padronale delle banche in Svizzera
    079 628 20 28

Communicati stampa in italiano>
Communicati stampa in inglese>