Trattative salariali nelle banche: incremento dall’1 al 1,5% nell’ambito degli aumenti strutturali

23. September 2014

All’arrivo dell’autunno, le commissioni del personale di tutta la Svizzera si preparano alle trattative salariali annuali. Anche nelle banche. Dopo i colloqui con i rappresentanti delle commissioni del personale, l’ASIB raccomanda nelle banche un aumento dei salari dall’1 al’1,5% in funzione della loro relativa situazione. Tale miglioramento non deve includere gli aumenti strutturali che non sono oggetto delle trattative bensì rientrano nel contesto della politica del personale della banca. La parte strutturale nell’ambio degli aumenti della massa salariale varia dallo 0,5 all’1%, a seconda delle imprese. Un aumento salariale generale è auspicabile, premesso che vada a favore di almeno il 75% del personale.
Il 18 settembre 2014, nel quadro dell’incontro biennale organizzato dall’ASIB, i presidenti delle commissioni del personale hanno esaminato questo punto. Hanno rilevato che il valore aggiunto delle Banche cantonali e della Raiffeisen è in continuo aumento dal 2012 e che nel primo semestre 2014 l’andamento degli affari nelle banche ha registrato uno sviluppo particolarmente positivo. In linea di massima, per il settore finanziario anche le previsioni per il prossimo semestre presentano una tendenza positiva (inchiesta KOF). Queste informazioni relativizzano il clima molto negativo instauratosi nelle banche in seguito all’impatto con i requisiti normativi nonché alla riduzione dei margini nelle transazioni finanziarie e sul mercato ipotecario.
In considerazione di tali elementi, i presidenti delle commissioni del personale ritengono ragionevole e necessario un aumento salariale tra l’1 e l’1,5%. Insistono a tale proposito sul fatto che nella rivendicazione non devono essere inclusi gli aumenti salariali strutturali che formano materia della politica del personale e rappresentano costi correlati. Questo tipo di aumento non è oggetto delle trattative salariali.
Visto che gli aumenti salariali sono individuali, l’ASIB organizza un corso informativo sulla contrattazione salariale individuale, al fine d’incoraggiare gli impiegati ad accogliere la sfida delle trattative. l’ASIB desidera anche conseguire un cambiamento della situazione attuale in cui il datore di lavoro determina liberamente e sovranamente la ripartizione degli aumenti salariali in base a criteri non negoziati e non sempre trasparenti. Il corso si svolgerà per la prima volta la sera del 30 ottobre a Zurigo. A seconda dell’interesse e della richiesta, potrà essere organizzato anche nella Svizzera italiana e francese o in altri regioni svizzere.